Istituto Ganassini per la Scienza

Istituto Ganassini per la Scienza

Il celebre marchio di dermocosmesi farmaceutica finanzia una Borsa di Studio nell’ambito del Corso di Dottorato in Scienze Farmacologiche Sperimentali e Cliniche del Dipartimento di Scienze Farmacologiche e Biomolecolari dell’Università degli Studi di Milano.



Da sempre Istituto Ganassini è riconosciuto per la sua anima italiana, e sin dalla sua fondazione nel 1935 è al servizio della ricerca scientifica accademica: la famosa azienda di dermocosmesi farmaceutica finanzia, infatti, una Borsa di Studio nell’ambito del Corso di Dottorato in Scienze Farmacologiche Sperimentali e Cliniche del Dipartimento di Scienze Farmacologiche e Biomolecolari dell’Università degli Studi di Milano.L’argomento della ricerca è di altissimo livello scientifico: “Ricerca e sviluppo di nuove formulazioni con ingredienti vegetali utili nelle infiammazioni del tratto gastrointestinale e della cute”. Il presente progetto ha lo scopo di studiare nuovi ingredienti di origine vegetale che possano essere inseriti in nuove formulazioni o integratori alimentari utili nelle infiammazioni del tratto gastrointestinale e della cute. Tali formulazioni potrebbero essere utili nella prevenzione o nel trattamento di infiammazioni gastriche (gastriti, ulcera peptica etc.) o intestinali (colite ulcerosa, sindrome del colon irritabile, etc.) o cutanee (dermatiti, desquamazioni, psoriasi etc.).Nella prima fase del progetto si studieranno gli effetti anti-infiammatori di prodotti di origine vegetale sottoposti a stimoli pro-infiammatori in grado di mimare l’infiammazione a cui è sottoposto l’epitelio in patologie quali ulcera e gastrite. Si utilizzeranno cellule epiteliali gastriche umane (AGS) infiammate con TNFa o H. pylori. Fra i prodotti di origine vegetale che saranno studiati vi sono alcuniprodotti già presenti in alcune formulazioni commercializzate dall’Istituto ganassini (estratti di Vaccinium macrocarpon, cranberry) ma anche nuovi estratti di Castanea sativa Mill., Boswellia serrata Roxb. Punica granatum L. e Ribes nigrum L. e fonti di procianidine come il Vaccinium myrtillus L. I prodotti di origine vegetale saranno somministrati prima dello stimolo proinfiammatorio(effetto preventivo) o in concomitanza (co-trattamento).L’analisi fitochimica degli estratti permetterà di individuare le molecole responsabili dell’effetto osservato nella miscela complessa di composti, associando l’attività biologica a uno o più principiattivi, che potranno essere utilizzati per una adeguata standardizzazione degli estratti.Per le molecole più promettenti, si valuterà se l’effetto è specifico per il tratto gastrico o si mantiene anche nel tratto intestinale. A tale scopo useremo cellule epiteliali intestinali (colonociti), differenziate a enterociti, le quali sono le principali cellule dell’epitelio intestinale e sono interessate ai processi di assorbimento in questo distretto. Le cellule intestinali saranno sottoposte a stimoli pro-infiammatori (LPS batterico di Escerichia coli e di Salmonella typhimurium o TNFa o IL-1b), in presenza degli estratti di origine vegetale in fase di studio.Il progetto ha lo scopo di investigare l’effetto anti-infiammatorio e cicatrizzante a livello cutaneo diestratti di origine vegetale e molecole pure su linee cellulare umane di cheratinociti e fibroblasti. Gli estratti sono studiati in condizioni infiammatorie tipiche della cute, nell’ottica di ricercare prodotti salutistici che possano essere utili in casi di dermatite o psoriasi.Il Laboratorio Farmacognosia sta attualmente studiando nuovi ingredienti di origine vegetale conazione anti-infiammatoria sulla cute e ha già individuato alcuni estratti particolarmente interessanti.Estratti ricchi in procianidine, come il picnogenolo, sono già presenti in alcuni prodotti commercializzati da Ganassini. L’analogia strutturale tra le procianidine presenti nel picnogenolo equelle presenti in altre piante edibili potrebbe essere sfruttata per studiare nuovi prodotti innovativi da utilizzare nelle formulazioni anti-aging della cute commercializzate dall’Istituto Ganassini. Fra gli altri estratti che studieremo in questa fase sperimentale vi sono estratti di foglie di Vitis vinifera L., estratti di semi di Ribes nigrum L. e di foglie e frutti di Castanea sativa L.Questo è un progetto di sinergie fra due eccellenze italiane che non guarda solo al presente ma si trasforma in imprenditoria illuminata come avveniristico processo educazionale di ricerca.Tale importante concetto si divulga per voce del Presidente Dott. Domenico Ganassini di Camerati: “Questo connubio tra azienda e Università si trasforma in educazione alla creazione di un modello di ricerca e collaborazione fondato sulla qualità, sulla creatività, sul giusto connubio tra innovazione e valorizzazione dei fattori e dei saperi e sulla salvaguardia e la tutela dell’educazione accademica. Questi risultano essere gli elementi fondanti sui quali abbiamo investito per dare una riposta concreta allo sviluppo e alla divulgazione del sapere ed io sono convinto sia questo il modello di sviluppo vincente sul quale siamo pronti a costruire un futuro promettente per il nostro paese.” Queste parole partono dal cuore per trasformarsi in volontà concreta capace di dare la possibilità di vivere una nuova vita, una vita migliore, un domani.